Caronia: L’incidente mortale sul lavoro a Piano Buffi, denunciate 8 persone

Otto persone sono state denunciate dai carabinieri per omicidio colposo in concorso e violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro nell’ambito delle indagini dell’incidente del lavoro, avvenuto il 30 settembre 2020 in contrada Piano Buffi a Caronia (foto in alto), dove la perse la vita, folgorato una scarica elettrica, l’operaio di 37 anni PAOLO VILLAREALE, dipendente di una ditta che stava eseguendo dei lavori…

Continua a leggere…

 

A 20 Me-Pa: Sequestrati 26 viadotti a rischio crollo nell’area tirrenica, 4 indagati. Il Cas sta intervenendo

Il Gip del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, su richiesta della Procura, ha sequestrato 26 viadotti a rischio crollo (foto in alto e in basso alcuni di questi), nella zona tirrenica, tra il barcellonese ed il milazzese ma interessando anche Furnari, della A20 Messina-Palermo. Ci sono quattro indagati mentre l’assessore regionale alle Infrastrutture MARCO FALCONE assicura che, per i tratti di sua competenza, il Cas sta già intervenendo…

Continua a leggere…

 

San Marco d’Alunzio: L’inchiesta sulle RSA per il Covid, sono 3 gli indagati

Sono tre gli indagati, ma si procede già in fase di incidente probatorio, nell’ambito dell’inchiesta istruita dalla Procura di Patti nella tarda primavera dello scorso anno per il focolaio da Covid generatosi nella Rsa, la Residenza sanitaria assistita “Villa Pacis San Francesco” e nella struttura di supporto “Residenza Aluntina” a San Marco d’Alunzio (foto in alto) e che causò, tra marzo e aprile del 2020, undici morti. Si riprende l’1 luglio davanti al Gup di Patti EUGENIO ALIQUO’…

Continua a leggere…

 

Naso: Confiscati beni (8 milioni di euro) all’imprenditore Nunzio Ruggeri

Dopo il sequestro preventivo, la confisca. La DIA di Messina sta eseguendo un decreto di confisca emesso dal Tribunale di Messina – Sezione Misure di Prevenzione -, che ha colpito l’ingente patrimonio di NUNZIO RUGGERI, imprenditore di Naso, operante nei settori della macellazione e della commercializzazione all’ingrosso di pellame, ritenuto vicino ai clan tortoriciani secondo anche le dichiarazioni del pentito di Brolo SANTO LENZO. Passa di proprietà dello Stato un patrimonio di 8 milioni di euro (foto in alto una delle società confiscate)…

Continua a leggere…